Advocate General’s Opinion in Case C-390/18: Airbnb constitutes an information society service

Court of Justice of the European Union
PRESS RELEASE No 51/19
Luxembourg, 30 April 2019

Advocate General’s Opinion in Case C-390/18

Eoin Michael Hession and AIRBNB Ireland UC v Hôtelière Turenne SAS and Association pour un hébergement et un tourisme professionnel (AHTOP) and Valhotel

According to Advocate General Szpunar a service such as that provided by the
AIRBNB portal constitutes an information society service

AIRBNB Ireland, a company incorporated under Irish law, established in Dublin (Ireland), administers, for all users established outside the United States, an on-line portal designed to connect hosts (professionals and individuals) with accommodation available to rent with persons seeking that type of accommodation.
Following a complaint against X brought, inter alia, by the Association pour un hébergement et un tourisme professionnel as a civil party, the Prosecutor’s Office, Paris (France) on 16 March 2017 filed an indictment for infringement of the law regulating the conditions for the exercise of activities related to certain transactions concerning real property and financial goodwill (Hoguet Law), in particular, the activities of real estate agents. AIRBNB Ireland denies acting as a real estate agent and argues that the Hoguet Law is inapplicable on the ground that it is incompatible with the directive on certain legal aspects of information society services.
The investigating judge of the Tribunal de grande instance de Paris (Regional Court, Paris) (France) decided to make a reference to the Court of Justice for a preliminary ruling on whether the services provided in France by AIRBNB Ireland, via an electronic portal managed from Ireland, benefit from the freedom to provide services laid down by the directive on certain legal aspects of information society services, and whether the restrictive rules relating to the exercise of the profession of real estate agent in France are applicable to it.
In order to answer the first question referred to the Court, Advocate General Maciej Szpunar, in his Opinion delivered today, examines whether the service provided by AIRBNB Ireland may be regarded as an information society service.
After setting out the definition contained in the directive laying down a procedure for the provision of information in the field of technical regulations and of rules on information society services, the Advocate General states that it is necessary to consider the nature of the service provided by AIRBNB Ireland, that is whether it is a service provided at a distance, without the parties being simultaneously present, and whether it is entirely provided by the use of electronic equipment and has no relation to services having a material content even though they are provided by electronic
means.
The Advocate General notes that, in its case-law, the Court has already established certain criteria for mixed services, consisting of an element provided electronically and another which is not provided in that way.
After examining AIRBNB Ireland’s service, taking account of those criteria, the Advocate General proposes that the answer to the first question should be that a service consisting in connecting potential guests with hosts offering short-term accommodation, via an electronic portal, in a situation in which the provider of that service does not exercise control over the essential procedures for the provision of those services, constitutes an information society service. He points out that the fact that the provider also offers other services having a material content does not prevent the service provided by electronic means from being classified as an information society service, on condition that the latter service does not from an inseparable whole with those services.
As regards the possibility of applying the Hoguet Law to AIRBNB Ireland, the Advocate General observes that, as regards the case submitted to the Court, that law falls prima facie within the scope of the directive on certain legal aspects of information society services, because it is legislation of a Member State other than the Member State of origin which is liable to restrict information society services. He continues by pointing out that, in order for a requirement laid down by a Member State other than that in which the provider of the information society services is established to be enforceable against that service provider and to result in the restriction of the free movement of those services, that requirement must be a measure that satisfies the substantive and procedural conditions laid down by that directive.
In the light of the substantive requirements laid down by the directive on certain legal aspects of information society services, the Advocate General takes the view that a Member State other than the Member State of origin may derogate from the free movement of information society services only by measures taken on a ‘case-by-case’ basis. He continues by pointing out that, in any event, it is for the national court to determine whether, having regard to all the factors brought to its attention, the measures at issue are necessary in order to ensure the protection of consumers and do not go beyond what is necessary to attain the objective pursued.
As to the procedural conditions, the Advocate General observes that a Member State which proposes to adopt measures restricting the free movement of information society services originating in another Member State must first notify the Commission of its intention and ask the Member State of origin to take measures in respect of information society services. The Advocate General states that there is no indication that France requested Ireland to take the necessary measures in relation to information society services, and it seems that the condition relating to notification of the Commission was not fulfilled either, whether during or after the transposition period of the directive. In relation to the latter point, the Advocate General takes the view that failure to notify entails the sanction of unenforceability of a measure against the provider of those services.
Therefore, as regards the question whether a Member State other than the Member State of origin may impose, on its own initiative and without examining the substantive requirements, conditions relating to the practice of the profession of real estate agent, such as those laid down by the Hoguet Law, on providers of a category of information society services, the Advocate General considers that the directive precludes a Member State from being able to restrict, in such circumstances and in such a manner, the free movement of information society services from another Member State.

 

Corte di giustizia dell’Unione europea
COMUNICATO STAMPA n. 51/19
Lussemburgo, 30 aprile 2019

Conclusioni dell’avvocato generale nella causa C-390/18

Eoin Michael Hession e AIRBNB e Ireland UC / Hôtelière Turenne SAS e Association pour un hébergement et un tourisme professionnel (AHTOP) e Valhotel

A parere dell’avvocato generale Szpunar, un servizio come quello fornito dalla piattaforma AIRBNB costituisce un servizio della società dell’informazione
La AIRBNB Ireland, società di diritto irlandese con sede a Dublino (Irlanda), gestisce per tutti gli utenti stabiliti al di fuori degli Stati Uniti una piattaforma online volta a mettere in contatto, da un lato, titolari di alloggi (professionisti e privati) da dare in locazione e, dall’altro, persone alla ricerca di alloggi di tal genere.
A seguito di una denuncia contro X con costituzione di parte civile depositata, segnatamente, dall’Association pour un hébergement et un tourisme professionnel (AHTOP, associazione per l’alloggio e il turismo professionale), il Parquet de Paris (procura di Parigi, Francia) avviava, in data 16 marzo 2017, una requisitoria introduttiva per violazione della legge posta a disciplina dei requisiti relativi all’esercizio di talune operazioni relative alla gestione di immobili e di fondi inerenti ad esercizi commerciali (cosiddetta «legge Hoguet») riguardante, in particolare, l’attività di agente immobiliare. La AIRBNB Ireland contesta il fatto di esercitare l’attività di agente immobiliare e deduce l’inapplicabilità della legge Hoguet per incompatibilità con la direttiva 2000/31 relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società dell’informazione.
Il giudice istruttore del Tribunal de grande instance de Paris (tribunale di primo grado di Parigi, Francia) ha deciso di adire in via pregiudiziale la Corte di giustizia al fine di acclarare se le prestazioni fornite in Francia dalla società AIRBNB Ireland mediante una piattaforma elettronica gestita dall’Irlanda godano della libertà di prestazione di servizi prevista dalla direttiva sul commercio elettronico e se le norme restrittive relative all’esercizio della professione di agente immobiliare in Francia, previste dalla legge Hoguet, siano opponibili alla società medesima.
Al fine di rispondere alla prima questione sottoposta alla Corte, l’avvocato generale Maciej Szpunar esamina, nelle conclusioni odierne, se il servizio fornito dalla AIRBNB Ireland possa essere considerato quale servizio della società dell’informazione.
Dopo aver ricordato la definizione contenuta nella direttiva sulla procedura d’informazione nel settore delle regolamentazioni tecniche e delle regole relative ai servizi della società dell’informazione, l’avvocato generale rileva la necessità di interrogarsi sulla natura del servizio fornito dalla AIRBNB Ireland, vale a dire se si tratti di un servizio fornito a distanza, senza che le parti siano simultaneamente presenti, e si tratti di un servizio interamente fornito mediante dispositivi elettronici senza riferirsi a servizi di contenuto materiale, sebbene questi implichino l’utilizzazione di dispositivi elettronici.

L’avvocato generale sottolinea che, nella propria giurisprudenza, la Corte ha già avuto modo di fissare taluni criteri relativi ai servizi misti, composti di un elemento fornito elettronicamente e di un altro non fornito per tale via.
Dopo aver esaminato il servizio fornito dalla AIRBNB Ireland alla luce di tali criteri, l’avvocato generale suggerisce alla Corte di rispondere alla prima questione pregiudiziale nel senso che un servizio consistente nell’intermediazione, tramite una piattaforma elettronica, tra potenziali locatari e locatori che offrano prestazioni di alloggio di breve durata, in una situazione in cui il prestatore di detto servizio non eserciti un controllo sulle modalità essenziali di tali prestazioni, costituisce un servizio della società dell’informazione, con la precisazione che il fatto che detto prestatore proponga parimenti altri servizi a contenuto materiale non impedisce la qualificazione del servizio fornito elettronicamente come servizio della società dell’informazione, a condizione che quest’ultimo servizio non rappresenti un tutto inscindibile con i servizi medesimi.
Quanto all’opponibilità della legge Hoguet alla AIRBNB Ireland, l’avvocato generale osserva che, con riguardo alla fattispecie sottoposta alla Corte, la legge medesima ricade, a priori, nella sfera d’applicazione della direttiva sul commercio elettronico, trattandosi di una normativa di uno Stato membro diverso dallo Stato membro d’origine, idoneo a restringere i servizi della società dell’informazione. L’avvocato generale ricorda, poi, che, affinché una prescrizione fissata da uno Stato membro diverso da quello in cui sia stabilito il prestatore dei servizi della società dell’informazione sia opponibile a quest’ultimo e determini una restrizione della libera circolazione di tali servizi, tale prescrizione deve costituire una misura rispondente alle condizioni sostanziali e procedurali stabilite dalla direttiva stessa.
Alla luce delle condizioni sostanziali fissate dalla direttiva sul commercio elettronico, l’avvocato generale ritiene che uno Stato membro diverso da quello d’origine possa derogare alla libera circolazione dei servizi della società dell’informazione soltanto per mezzo di provvedimenti presi «su base individuale», facendo poi presente che, in ogni caso, incombe al giudice nazionale accertare se, tenuto conto di tutti gli elementi portati a sua conoscenza, i provvedimenti in questione siano necessari ad assicurare la protezione del consumatore e non eccedano quanto richiesto per il conseguimento dell’obiettivo perseguito.
Quanto alle condizioni di ordine procedurale, l’avvocato generale rammenta che uno Stato membro che intenda adottare provvedimenti restrittivi della libera circolazione dei servizi della società dell’informazione provenienti da un altro Stato membro deve notificare preliminarmente il proprio intendimento alla Commissione e chiedere allo Stato membro d’origine di prendere provvedimenti in materia di servizi della società dell’informazione. Orbene, a suo avviso, nulla indica che la Francia abbia chiesto all’Irlanda di adottare provvedimenti in materia di servizi della società dell’informazione né sembra che il requisito relativo alla notifica alla Commissione sia stato soddisfatto, né durante né dopo il periodo di trasposizione della direttiva. In merito a quest’ultimo aspetto, l’avvocato generale ritiene che l’omessa notificazione comporti la sanzione dell’inopponibilità di un provvedimento al prestatore dei servizi medesimi.
Conseguentemente, in ordine alla questione se uno Stato membro diverso da quello di origine possa imporre, d’ufficio e senza un esame delle condizioni sostanziali, prescrizioni relative all’esercizio della professione di agente immobiliare, come quelle previste dalla legge Hoguet, ai prestatori di una categoria di servizi della società dell’informazione, l’avvocato generale ritiene che direttiva osti a che uno Stato membro possa restringere, in tali circostanze e con tali modalità, la libera circolazione dei servizi della società dell’informazione provenienti da un altro Stato membro.

OPINION OF ADVOCATE GENERAL SZPUNAR delivered on 30 April 2019

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s